BUON MIELE DEL MUGELLO

buon miele del Mugello

Negli ultimi trenta anni molte specie vegetali e animali delle campagne europee sono entrate in pericolo di estinzione.
Il buon miele del Mugello ne ha poco risentito per l’ambiente ancora pulito che lo caratterizza.
Tuttavia l’equilibrio ambientale è di fondamentale importanza per il nostro territorio.

Il pericolo è dovuto all’utilizzo di pesticidi, diserbanti, fertilizzanti chimici e modalità di produzione intensive (che sfruttano cioè i terreni in modo eccessivo). Molte piante sono state uccise direttamente da questi agenti chimici, altre non hanno potuto più riprodursi perché sono morti gli insetti che ne trasportavano il polline.

I campi, infatti, sono diventati degli ambienti molto inospitali per gli insetti selvatici. Il ruolo delle api è quindi diventato sempre più importante, perché le api assicurano l’impollinazione, permettendo alle piante e ai fiori di riprodursi.

 

Api ed equilibrio ambientale

Gli insetti hanno davvero un ruolo quasi insostituibile, in natura.
Perché?
Senza di loro, cesserebbe l’impollinazione dei fiori e delle piante, processo di cui le api sono responsabili fino al 70%.

Vi siete mai chiesti come sarebbe il mondo senza api? Cosa accadrebbe se le api decidessero di non raccogliere più nettare per fare miele?

Sparirebbero immediatamente molti fiori, niente più mele o fragole, meloni e carote… E poi si ridurrebbero gli incroci di polline tra piante lontane, con gravissime conseguenze per tutta la natura, uomo compreso. Ricordiamoci: le api sono un vero “termometro” per la salute della terra! Quando stanno male e cambiano comportamento e abitudini, l’ambiente è davvero inquinato e dobbiamo preoccuparci anche noi!

Ogni ape svolgendo il proprio lavoro contribuisce a mantenere in vita un alveare.
Gli alveari garantiscono l’impollinazione anche su lunghe distanze e permettono a fiori e piante di produrre frutti più buoni. La biodiversità e l’equilibrio naturale dell’ambiente sono quindi preservati da una lunga catena di piccole azioni. L’uomo può influenzare in modo positivo o negativo questo equilibrio.
Lo sfruttamento esagerato delle risorse naturali della terra e l’inquinamento colpiscono la salute del nostro pianeta.

Il buon miele del Mugello

La produzione di miele in Italia è indubbiamente calata negli ultimi anni per le ragioni sopra esposte. C’è da notare anche che il consumo di miele in Italia seppur aumentato, resta sempre di oltre il 30% inferiore alla media europea. Tuttavia i dati del buon miele del Mugello sono decisamente in controtendenza. Innanzitutto va detto che le varietà di miele più comuni nel Mugello sono i seguenti:

buon miele del MugelloIMiele di Acacia: si presenta liquido, con colorazione giallo-chiara, quasi trasparente; ha sapore dolce molto delicato e profumo molto fine e persistente. Ricorda il profumo dei fiori e della vaniglia.

Il Miele di Castagno: la presenza di tanti castagneti da frutto (tra cui il pregiato marrone IGP Mugello) favorisce la produzione del miele di castagno che ha consistenza piuttosto liquida ed è  di colore marrone-ambrato più o meno scuro, brillante. È un miele non eccessivamente dolce con retrogusto più o meno amaro, con un profumo intenso e aromatico, di bosco. Come tutti i mieli scuri è particolarmente ricco di sali minerali.

Il Miele millefiori: proviene da molte specie floreali e racchiude in sé i pregi dei numerosi nettari da cui deriva. Ha consistenza fluida e granulosa, sapore dolciastro con retrogusto amarognolo, colore che varia dal giallo-verdognolo al marrone-blu.

Tuttavia negli ultimi 20 anni l’aumento degli agriturismi e delle aziende agricole ha portato ad un incremento anche di varietà del buon miele del Mugello.

Inoltre l’introduzione di nuove colture quali la colza e il girasole ha ulteriormente incrementato l’offerta del buon miele del Mugello.

Il miele di colza Per il suo sapore “vegetale”, può dare un tocco sorprendente a preparazioni di cucina salate. Il miele di girasole è estremamente dolce, leggero e delicato. Per queste caratteristiche è indicato come dolcificante in tè e tisane. E’ un miele particolarmente indicato per preparare ottimi dolci artigianali al posto del comune zucchero.

Come appena accennato però queste varietà possono essere trovate direttamente negli agriturismi o nelle aziende agricole. Un altro tipo di buon miele del Mugello piuttosto raro è il miele di corbezzolo. Ancor più raramente si può trovare il miele di tiglio e di erica di bosco.

About Author

client-photo-1
manucar
like writing about the Mugello, Florence and Tuscany. English teacher at IIS Giotto Ulivi.

Comments

22 Dicembre 2020
Anche all'Osteria del Galletto trovi in vendita il miele prodotto da enti locali. https://ilgallettomugello.com/vendita-prodotti-locali-mugello/

Lascia un commento