LO SPUMANTE DEL MUGELLO

Lo spumante del Mugello

Finalmente è arrivato lo spumante del Mugello. Si tratta del vino spumante brut metodo classico Primum. Esso è prodotto con uve Pinot Nero allevate ad “alberello areato”.  Primum ha una densità di 4500 ceppi per ettaro. Lo spumante del Mugello proviene dalla fattoria di Cortevecchia di Sandro Bettini a San Piero a Sieve.

Il luogo è in linea con la Fortezza di san Martino e il Castello del Trebbio. Qui una costante foce di vento riesce a mitigare la tipica umidità della zona. Il terreno è di media compattezza, a tratti argilloso, con una leggera parte sassosa. E’ un terreno ricco di sostanze organiche che conferiscono grande vigore alla coltivazione. Si tratta di un terreno adatto per il primo spumante del Mugello.

A Bettini non è mai tornato il fatto che nel Mugello non fosse possibile realizzare vini di gran classe. Bettini si è reso conto che la spiegazione stava nella tipologia di uva utilizzata in relazione al microclima locale. Nel Chianti o nel senese ad esempio la temperatura media è di circa 5 gradi superiore rispetto al Mugello. Parve ovvio dunque a Bettini che per ottenere lo spumante del Mugello non si poteva coltivare il sangiovese. Appariva più logico pensare di produrre vini bianchi e spumanti, o comunque rossi, ma non da uve Sangiovese”.

Fu così che nel 2012 vennero piantate a mano le nuove barbarelle di pinot nero una ad una con grande amore e speranza.
Con la fidata consulenza di Giuliano Tarchi e Nello Baglioni, Bettini ha realizzato un vigneto eccezionale. Senza filari di sorta, ma con un sistema innovativo per tipologia ed unico nel Mugello: l’alberello areato.

Ciò consente alle piante di svilupparsi liberamente all’interno di un anello che le contiene durante il loro sviluppo. Un sistema ideale per garantire la massima esposizione fogliare al sole. Al contempo garantisce la minima costrizione che, in caso di piogge, facilita molto la dissipazione dell’umidità dalla pianta. Questo si traduce in una minore esposizione alle malattie e, conseguentemente, comporta minori trattamenti da fare.

Nel caso di Primum tuttavia, il risultato è stato veramente soddisfacente . La bottiglia, presentata in una cena su invito al ristorante Convivio di Borgo San Lorenzo, ha stupito e soddisfatto tutti i commensali. Lo spumante del Mugello ha sostenuto i piatti preparati per il menù, compreso il dolce, incontrando ampiamente il palato dei presenti.

About Author

client-photo-1
manucar
like writing about the Mugello, Florence and Tuscany. English teacher at IIS Giotto Ulivi.

Comments

Lascia un commento